italianoinglesetedesco

MAGLIANO IN TOSCANA

 

GLI SCAVI ETRUSCHI E ROMANI
S.Maria in Borraccia: è costituita da tombe scavate nel calcare bianco, precedute da un corridoio. Qui, durante gli scavi, sono stati ritrovati diversi corredi di ceramica di produzione etrusca, ma anche di provenienza greca.
Gli scavi di Doganella-Kalousiun: grande centro rurale (circa 230 ha) fondato da Vulci e distrutto dai Romani all'inizio del III sec. a.C. Negli scavi si distingue la casa lastricata con resti di edifici.
Heba: città romana, localizzata grazie alle fotografie aeree, in quanto non vi erano resti emergenti.

LE CHIESE
Chiesa della SS. Annunziata: portale con architrave in travertino, copertura a capanna che ne determina lo stile romanico. All'interno "La Madonna che allatta il Bambino" di Bartolomeo di Lando detto il Neroccio e molti affreschi di Scuola Senese.


Chiesa di San MartinoChiesa di S. Martino: la costruzione risale all'anno 1000. Gli stipiti del portale sono decorati da due draghi. All'interno affreschi di scuola senese.

 

 

 

Chiesa di San Giovanni BattistaChiesa di S. Giovanni Battista: romanica con elementi gotici. Interessante la foNte battesimale in travertino e gli affreschi di scuola senese. Canonica di S. Bruzio: romanica, i suoi ruderi sono molto pittoreschi.

 

 

TORRI E CASTELLI
Castello di Magliano: rimane la cerchia muraria abbastanza integra. Fu dominato dagli Aldobrandeschi.
Castello di Collecchio: si identifica con le fortificazioni di Torre Bassa. Restano i basamenti delle mura.
Castello di Montiano nuovo: ne rimane parte della cinta muraria e all'interno la chiesa di S. Giovanni Battista.
Castello di Montiano vecchio: difficile da raggiungere, ne restano solo ruderi ricoperti di vegetazione. Castello di Pereta: da via Cavour, proseguendo in via della Torre si giunge alla rocca della quale rimane ben poco.
Castello di Stertignano: Le prime notizie risalgono al 1274. Edificio di due piani dai muri spessi oltre un metro, di proprietà prima aldobrandesca e poi senese .
Torre di Cala di Forno: è nel parco naturale della Maremma.
Torre della bella Marsilia: residuo di una fortificazione, vicino Collecchio.

CURIOSITA'
Nelle vicinanze dell'Oratorio dela Santissima Annunziata si trova l'"Olivo della Strega": olivo millenario che secondo una leggenda, veniva utilizzato per riti di stregoneria.